Grazie a Poste Italiane e Mastercard, il Fintech sposa il reward crowdfunding con PostepayCrowd 2.0

Sono partite quest’estate le campagne “Fintech” di reward crowdfunding che puntano a finanziarsi con il crowd e con il supporto di Poste Italiane e Mastercard

 

PostePayCrowd 2.0 Fintech

 

Poste Italiane, in collaborazione con Mastercard, continua a supportare le start up in ambito fintech e pagamenti, attraverso l’ormai celebre iniziativa PostepayCrowd 2.0. Da quest’estate, infatti, le iniziative sono focalizzate sul mondo dei Pagamenti Digitali.

In 4 anni di attività, PostepayCrowd ha contribuito a raccogliere sul web oltre 2,5 milioni di euro per i progetti presentati sulla piattaforma di reward crowdfunding Eppela, partner dell’iniziativa, dei quali oltre 190 hanno avuto successo e sono stati co-finanziati da PostepayCrowd.

L’obiettivo di Poste Italiane, infatti, è supportare l’innovazione per creare valore condiviso attraverso la realizzazione di una comunità che sostiene le idee vincenti e, dunque, dal luglio scorso, sono on line i primi progetti in ambito Fintech selezionati da PostepayCrowd 2.0.

I progetti le cui campagne di crowdfunding, nell’arco di 40 giorni, raggiungono il traguardo di raccolta prefissato grazie ai contributi dei sostenitori, ricevono un co-finanziamento fino a un massimo di 5 mila euro per ciascun progetto, messo a disposizione da Poste Italiane e Mastercard.

Ma il contributo delle due grandi imprese “mentor” non si ferma qui. Da un lato, affiancano le startup nell’elaborazione delle strategie di marketing più efficaci e, dall’altro, offrono un servizio di consulenza nella fase di avviamento dell’impresa, per orientare i progettisti a ottimizzare il proprio posizionamento sul mercato. Inoltre, i progetti che nel corso dell’anno saranno ritenuti più meritevoli e coerenti con alcuni requisiti specifici della call potranno essere selezionati da Poste Italiane e Mastercard e ricevere il sostegno per una campagna di comunicazione dal valore di 15mila euro.

La prima iniziativa fintech che ha già raggiunto il proprio obiettivo di raccolta ottenendo il co-finanziamento, è Weldpay, un’app per garantire la sicurezza nelle transazioni online.

Recentemente, sono state lanciate altre campagne, tra cui Laila, che ha superato l’obiettivo e ottenuto così il co-finanziamento.

Laila rappresenta l’evoluzione dei classici chatbot, strumenti automatici per rispondere ai clienti che, generalmente, danno solo risposte automatiche a domande standard. Laila supera questo limite ed è capace di comprendere il linguaggio naturale, sia sotto il profilo semantico che sotto il profilo emozionale.

La “call” di PostepayCrowd è aperta tutto l’anno ed i progettisti che volessero candidarsi possono prendere visione del Regolamento e farlo qui.

Lascia un commento

avatar