CrowdFundMe lancia una call per PMI, da finanziare tramite i minibond

L’iniziativa è rivolta a imprese che presentano un fatturato minimo di 5 milioni di euro all’anno, un debito non superiore a 3 volte l’ebitda, e un ebitda positivo da almeno due anni

 

CrowdFundMe

 

CrowdFundMe, portale italiano di equity crowdfunding quotato all’Aim, ha lanciato una call per PMI, al fine di finanziarle tramite l’emissione di minibond. L’iniziativa è rivolta a imprese che presentano un fatturato minimo di 5 milioni di euro all’anno, un debito non superiore a 3 volte l’ebitda, e un ebitda positivo da almeno due anni.

CrowdFundMe è stata autorizzata nel giugno scorso da Consob a collocare anche obbligazioni. I titoli di debito presentano un limite fissato per ogni singolo collocamento a 8 milioni di euro. La PMI stabilisce l’obiettivo di raccolta, la durata del titolo e le modalità del pagamento degli interessi e del rimborso del capitale. Successivamente al periodo di collocamento tramite la piattaforma, il minibond potrà essere quotato sul segmento ExtraMot Pro3 di Borsa Italiana, con l’obiettivo di dare maggior risalto alla società emittente.

“Ad oggi CrowdFundMe ha dimostrato un track record di successo in ambito equity raccogliendo oltre 30 milioni di euro per circa 90 società.Ci aspettiamo di replicare anche sul fronte obbligazionario. Da pochi mesi abbiamo lanciato le nostre prime due emissioni: Hal Service e i-Rfk. Siamo convinti che i minibond rappresentino una vera fonte alternativa di finanziamento al canale tradizionale bancario per le PMI in cerca di liquidità e un importante elemento di diversificazione di portafoglio per gli investitori”, ha dichiarato Tommaso Baldissera, amministratore delegato della piattaforma.

Il minibond di Hal Service, che aveva un obiettivo massimo di raccolta di €1 milione, è attualmente in fase di perfezionamento. Hal Service S.p.A., attiva dal 1990, è una società informatica e di telecomunicazioni che progetta, realizza e gestisce infrastrutture, applicazioni e servizi di connettività. Inoltre, offre consulenza tecnologica e organizzativa ad aziende (sia private sia pubbliche) o istituzioni. Tra l’altro, la società partecipa al consorzio Top-IX, che gestisce l’Internet Exchange piemontese e la rete Wi-Pie, un’infrastruttura da 900 km di fibra ottica, 700 km di sentieri digitali per portare internet anche nelle zone più periferiche, con tecnologia wireless e satellite.

Il collocamento del minibond di i-Rfk, holding di investimenti in startup che lo scorso anno ha effettuato una raccolta record con equity crowdfunding sempre su Crowdfundme, scadrà il prossimo 21 Settembre e, ad oggi, ha raccolto 850 mila euro da 20 investitori qualificati.

Innovative-RFK è una holding di partecipazioni fondata nel 2017 da Paolo Pescetto, Massimo Laccisaglia e Andrea Rossotti, professionisti con un solido background in operazioni di finanza straordinaria e strategia di impresa. Innovative-RFK ha chiuso il 2019 con la quotazione presso la borsa Euronext Paris in modalità crowdlisting, confermando la sua connotazione verso l’innovazione.

Ad oggi Innovative-RFK ha investito € 7,5 milioni in 5 partecipate coinvolgendo più di 120 investitori privati e qualificati verso i quali la holding punta a generare valore tramite una accurata e strategica selezione delle società partecipate da aggiungere in portafoglio. Dal listing in borsa il 27 Dicembre 2019, il titolo i-RFK è passato da € 1,19 a € 1,26 (+5,9%) per azione (prezzo per azione al 4-Giu-2020), raggiungendo una capitalizzazione di mercato di € 11,1 milioni.

 

 

Commenti chiusi