Green Energy Sharing, energie rinnovabili, raccoglie 1 milione con equity crowdfunding

La campagna di equity crowdfunding di Green Energy Sharing, chiusa con successo su Opstart, ha raccolto 1 milione da investire nell’acquisizione di impianti di energia rinnovabile

 

Green energy Sharing 1 milione equity crowdfunding su Opstart

 

La piattaforma di equity crowdfunding Opstart chiude la sua prima campagna milionaria. Green Energy Sharing ha infatti terminato il proprio round con una raccolta proprio pari a €1 milione. Il risultato, conseguito a partire da un obiettivo minimo di soli 60 mila euro, è stato raggiunto grazie a 60 investitori che, dunque, hanno sottoscritto in media 16,5 k a testa.

Green Energy Sharing è un’iniziativa promossa da Ges Site Zero Srl, una startup innovativa costituita per l’obiettivo di facilitare il coinvestimento nell’acquisto di impianti di produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili.

Green Energy Sharing utilizzerà infatti i capitali raccolti per acquistare un impianto di produzione di energia rinnovabile e l’investitore avrà il diritto di partecipare ai ricavi generati dalla vendita dell’energia prodotta dall’impianto, in proporzione alla quota acquistata.

Si tratterà di impianti di produzione di energia rinnovabile già attivi e con rendimenti consolidati. Questo tipo di transazioni, appartenenti al cosiddetto «mercato secondario», prevedono l’incrocio tra la domanda e l’offerta di chi vuole liquidare il suo investimento avvenuto anni prima e chi ha interesse nell’investire nel settore.

Inoltre, è stata realizzata una piattaforma web con lo scopo di garantire il monitoraggio degli impianti e la massima trasparenza sui rendimenti, i dati di produzione e di gestione degli impianti e la loro condivisione con i soci.

Il ritorno sugli investimenti non deriverà tanto da un evento di exit, quanto dalla distribuzione di dividendi generati dalla redditività degli impianti nei prossimi 14 anni.

Particolarità della campagna è stata una sorta di scala di “reward”, per cui in funzione dell’entità dell’investimento, i neo soci avranno diritto dal 53% al 60% degli utili.

Commenti chiusi