Partita la prima campagna su Lita, nuova piattaforma di equity crowdfunding dedicata a impact investing

Lita.co, autorizzata Consob, apre le operazioni in Italia forte dell’esperienza della casa madre francese sui finanziamenti alle startup che hanno un chiaro impatto sociale

 

Lita equity crowdfunding impact investing

 

Lita.co, piattaforma di equity crowdfunding focalizzata sull’impact investing, ha lanciato la sua prima campagna. Si tratta di Mysurable, una startup bolognese che sviluppa e gestisce soluzioni tecnologiche innovative per misurare i cambiamenti dello stato funzionale degli individui legati all’avanzamento dell’età. L’obiettivo è di raccogliere 150k entro il 3 Luglio a fronte di una valutazione pre-money di poco meno di 2 milioni (qui la nostra scheda sintetica).

Lita.co è il nuovo brand di una piattaforma, precedentemente nota come 1001pact, attiva da molti anni in Francia dove ha contribuito a finanziare oltre 3.000 progetti sia con la formula del reward sia dell’equity sia del lending crowdfunding. In Italia ha costituito una società, 1001PACT ITALY S.r.l., che lo scorso anno ha ottenuto l’autorizzazione di Consob come portale di equity crowdfunding.

La particolarità di Lita.co è il suo focus su progetti che abbiano un impatto sociale. I fondatori Eva Sadoun e Julien Benyoun spiegano: “All’origine di LITA.co, c’è la volontà di riavvicinare i cittadini al mondo della finanza. Da un lato, ci siamo resi conto che il rapporto tra la finanza tradizionale e i cittadini è ancora poco trasparente. I cittadini desiderano riacquistare fiducia negli investimenti e dare loro un significato. Dall’altro, gli imprenditori innovativi e sociali vengono troppo spesso messi da parte dal sistema finanziario tradizionale che ha difficoltà a valutarne la profittabilità, la quale non può più essere utilizzata come unico parametro per la misurazione della performance. In LITA.co abbiamo più di una semplice missione: dedichiamo il nostro più profondo nel partecipare attivamente ed efficacemente alla riduzione delle disuguaglianze sociali e ambientali in tutto il mondo, per costruire un futuro migliore, sostenibile e inclusivo”.

Al centro di Lita.co c’è infatti il concetto di sviluppo sostenibile, il quale implica uno sviluppo economicamente efficiente, socialmente equo ed ecologicamente sostenibile. Dunque, i progetti selezionati devono essere orientati verso uno o più dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) stabiliti dall’ONU, tra i quali sconfiggere la fame, sconfiggere la povertà, istruzione di qualità, acqua pulita e igiene, energia pulita e accessibile, ridurre le disuguaglianze, città sostenibili.

In particolare sono cinque le categorie su cui punta Lita.co:

  • Tech for good: Aziende tecnologiche ad alto potenziale di CRESCITA
  • Immobiliare sostenibile: Progetti immobiliari GREEN e SOCIALI
  • PMI: Piccole e medie imprese innovative
  • Energie rinnovabili: Progetti di ENERGIA solare, eolica, idraulica o biomassa
  • Sviluppo del territorio: Prodotti o servizi LOCALI e fortemente legati al territorio

Commenti chiusi