Barberino’s: quando un modello di business tradizionale funziona e raccoglie 1,2m con equity crowdfunding

La catena di barberie Barberino’s, partita solo nel 2015, ha oggi sei negozi, ha superato la crisi Covid e ha chiuso una campagna record su Mamcrowd da 1,2 milioni

 

Barberino raccoglie 1,2 milioni con equity crowdfunding su Mamacrowd

 

Si ritiene spesso che la raccolta con equity crowdfunding sia una strumento adatto solo alle startup che presentano una forte componente tecnologica. In realtà, chi investe in capitale di rischio tende (o dovrebbe tendere) a considerare la potenzialità di crescita di un’impresa, a prescindere dal fatto che questa sia guidata o meno dalla tecnologia. La vera discriminante, quindi, è il modello di business, unito alla capacità di implementarlo dell’imprenditore e del suo team.

E’ il caso di Barberino’s, una catena di negozi di barbiere (barberie) di recente costituzione, che in una trionfale campagna sulla piattaforma Mamacrowd ha raccolto più di 1,2 milioni, importo che potrebbe aumentare ulteriormente in attesa di alcuni investimenti ancora da confermare.

Ad oggi hanno investito in 132 a fronte di una valutazione pre-money di 5,2 milioni. Grazie ai dati disponibili su Mamacrowd, Crowdfunding Buzz ha potuto ricostruire che in 58 hanno investito meno di 1000 euro, in 41 tra 1000 e 5000 euro, in 10 tra 5 e 10 mila euro e in ben 18 tra 10 e 30 mila euro. In 5 invece hanno investito somme più consistenti per un controvalore di poco più di metà della raccolta.

Sono dati che dimostrano da un lato, molto probabilmente, l’abilità degli imprenditori nel coinvolgere investitori professionali nella fase di pre-market, ma, dall’altro, quella di saper coinvolgere il “crowd”a partecipare a un modello di business che sta dimostrando la propria capacità di innovare un settore molto tradizionale.

L’impresa è partita con i 3 fondatori che, nel 2015, hanno iniziato con un piccolo negozio in centro a Milano e €43k di fatturato, con l’obiettivo di trasformare quella che era una semplice necessità (tagliarsi i capelli o radersi) in una esperienza tutta da godere, di stampo classico e alla moda. Oggi conta più di 30 persone con un’età media di 26 anni, con un fatturato che, nel 2019, ha superato €1,35 milioni con EBITDA positivo.

Barberino’s conta oggi 6 barberie, di cui 4 a Milano, 1 a Brescia e 1 a Padova, un barber corner itinerante che iene utilizzato per esplorare nuovi mercati e far conoscere il brand in tutto il mondo, una scuola di formazione interna e una linea di prodotti cosmetici e accessori per uomo che viene venduto con il marchio Barberino’s sia off-line sia on-line.

L’obiettivo principale è creare un brand dalla forte identità italiana che possa diventare il riferimento per la cura e l’igiene maschile nel mondo. La ricetta è semplice: nessun compromesso sulla qualità al fine di offrire un’esperienza di lusso in contesti emozionali ad un prezzo accessibile.

 

Commenti chiusi