Due nuove opportunità per investire in startup su Mamacrowd e Crowdfundme

Le piattaforme di equity crowdfunding Mamacrowd e Crowdfundme lanciano le campagne delle startup AmbiensVR e Cynny

 

Equity crowdfunding AmbiensVR Mamacrowd Cynny Crowdfundme

Prosegue, ormai con una certa continuità, il flusso di offerte di investimento in startup attraverso l’equity crowdfunding. Ieri, in contemporanea, sono state lanciate due nuove campagne sulle piattaforme Mamacrowd e Crowdfundme.

Mamacrowd, che ha in corso altre tre campagne, di cui due in via di conclusione, ha lanciato la raccolta fondi di AmbiensVR, una piattaforma che porta l’architettura e il design nella realtà virtuale, creando ambientazioni interattive disponibili su smartphone. L’obiettivo della nuova tecnologia è di rivoluzionare la comunicazione del progetto di architettura di interni, offrendo una prospettiva unica, immersiva e interattiva in ambienti virtuali.

La startup ha l’obiettivo di raccogliere €180 mila a fronte del 12% di quote della società per una valutazione pre-money di €1,3 milioni.

Su Crowdfundme troviamo invece la campagna di Cynny, una vecchia conoscenza dell’equity crowdfunding italiano che ha già raccolto con successo altre due volte, rispettivamente sulle piattaforme Starsup e Investire. Inoltre, Cynny ha già raccolto risorse per 8 milioni anche da oltre 400 soci, incluso primari investitori istituzionali. La tecnologia di Cynny è MorphCast, un video istantaneo, che si adatta in base alle reazioni emotive di chi lo guarda e che permette alle aziende di inviare messaggi pubblicitari personalizzati sulla base di gusti e caratteristiche di ogni singolo spettatore senza violare la sua privacy. Il prodotto ha già fatto il suo ingresso in mercati internazionali, tra cui gli USA, dove è stata aperta una controllata, Cynny Inc.

In questa campagna, l’obiettivo di Cynny è la raccolta di €100.000 a fronte dello 0,1% della società. Una valutazione quindi altissima (c.ca 100 milioni) la quale ci fa pensare che l’obiettivo reale della campagna non sia tanto la raccolta di fondi in sé, quanto offrire l’opportunità ai potenziali utenti della tecnologia di diventarne anche soci.

Lascia un commento

avatar