Ener2crowd, piattaforma di lending dedicata alla green economy, lancia round di equity crowdfunding

Ener2crowd, prima piattaforma di lending verticale con focus su green economy, ha lanciato una campagna di equity crowdfunding su Opstart, in overfunding dopo pochi giorni

 

ener2crowd

Ener2crowd, la prima piattaforma digitale di lending crowdfunding italiana dedicata alla sostenibilità ambientale e alla green economy, ha lanciato il 20 gennaio scorso una campagna di equity crowdfunding su Opstart (qui la nostra scheda). La campagna ha un obiettivo minimo di raccolta di 100 mila euro, già abbondantemente superati.  Con una valutazione pre-money di 1,5 milioni di euro, la quota di capitale offerta pari al 6,25%, e l’investimento minimo è di 250 euro.

Ad onore del vero stiamo già ricevendo proposte da investitori professionali che ci farebbero balzare rapidamente verso il tetto dei 300.000 euro. Il nostro obiettivo totale è di 400.000 euro per raggiungere gli obietti nel prossimo triennio: quelli del 2020 parlano di 2.500 investitori in piattaforma ed oggi siamo già circa 400, e di qualità in effetti. Con questi numeri, siamo fiduciosi e speranzosi che il crowd possa reagire positivamente per farci completare con serenità la campagna e a quel punto concentrarci sul potenziare le strategie in essere e individuarne di nuove“, ha dichiarato Giorgio Mottironi, cofondatore e CSO di Ener2crowd.

Chi è Ener2crowd

Ener2crowd è stata fondata nel 2019 da Paolo Baldinelli, Giorgio Mottironi, Sergio Pedolazzi e Niccolò Sovico. Il suo obiettivo è far incontrare una comunità di investitori retail, supportati da investitori istituzionali, con le esigenze di finanziamento di aziende e privati che vogliono sviluppare progetti di efficienza energetica, energie rinnovabili e sostenibilità ambientale.

La startup è nata e cresciuta in pochissimo tempo: in solo 1 anno ha completato il round di pre-seed, incassando circa 130.000 euro. E’ sul mercato da soli 2 mesi e nel novembre scorso ha aperto la prima campagna di raccolta assieme ad una delle più importanti Energy Service Company (E.S.Co.) italiane, Samso spa, in chiusura in questi giorni con un obiettivo minimo di 100 mila euro.

Gli investitori possono registrarsi su Ener2crowd e richiedere l’apertura del proprio wallet, gestito dall’istituto di pagamento LemonWay, il più importante d’Europa. Una volta approvato con una carta di credito – fino a 500 euro – o con un bonifico lo può ricaricare ed in 24/48 ore ritrova i propri soldi sul conto digitale a lui intestato, con zero costi di attivazione e gestione. A quel punto, senza costi di intermediazione o servizio, può scegliere il progetto che preferisce ed investire.

I progetti proposti agli investitori dalla piattaforma offrono rendimenti del 6-7% lordo annuo e sono il risultato di applicazioni ingegneristiche ed economiche di dettaglio, riconducibili in alcuni casi a dati storicizzati e che non risentono di fattori di rischio esterni, o turbolenze emotive.

La piattaforma permette inoltre di creare le cosiddette “Comunità Energetiche” ossia l’autoproduzione e distribuzione dell’energia direttamente alla comunità locale. In aggiunta, grandi utilities possono utilizzare il crowdfunding di Ener2crowd come potente strumento di marketing per ottenere visibilità e siglare nuovi contratti di fornitura con potenziali clienti o come tecnica di retention dei loro attuali clienti.

Noi vediamo la nostra azienda come un biglietto in prima fila per il New Green Deal – ha spiegato a Crowdfunding Buzz Giorgio Mottironi, cofondatore e CSO di Ener2crowd – Tutti parlano della necessità di una piena e totale partecipazione della società civile e privata per una vera transizione energetica. Ma solo noi diamo la possibilità di impegnarsi sì, ma di poter godere degli enormi benefici economici che è in grado di produrre e che rischiamo restino nelle mani di pochi soggetti dotati di molti capitali“, .

La piattaforma vanta numerosi progetti in rampa di lancio. “La nostra pipeline di progetti è molto importante e l’unica vera fatica è quella di riuscire a pubblicarli al giusto momento, per evitare sia una sovrapposizione delle opportunità, sia periodi di stasi” ha aggiunto Mottironi.

Commenti chiusi