Equity + Reward crowdfunding: una startup punta tutto sul crowd-financing

La startup Veranu che ha in corso una campagna di equity crowdfunding, ha lanciato anche una campagna di reward su Eppela con PostePay Crowd

Veranu equity e reward crowdfunding

Veranu, mattonella intelligente che trasforma l’energia cinetica dei passi in energia elettrica, è nata nel 2012 come nuovo prodotto che rappresentasse una fonte di energia alternativa ed è diventata, a tutti gli effetti, una realtà aziendale nel 2016.

Lo scorso Novembre, la startup ha lanciato una campagna di equity crowdfunding su Equinvest con l’obiettivo di raccogliere €75.000. Ad oggi, la campagna, online fino al prossimo 16 Febbraio, sembra avviata ad un consistente successo, avendo già 26 sottoscrizioni per quasi €200k (di cui peraltro 180 in attesa di conferma).

Parallelamente, la settimana scorsa, Veranu ha lanciato una campagna di reward crowdfunding su Eppela. Il progetto, supportato da PostepayCrowd, il programma di co-fininziamento di Postepay, punta a un obiettivo economico di 5mila euro per installare il prodotto in luoghi pubblici, quali piazze, strade, fiere, centri commerciali e sviluppare un app che informi gli utenti sulla quantità di energia prodotta e di C02 risparmiata, nel corso di una giornata, camminando.

La nostra idea è stata fin da subito quella di creare una tecnologia innovativa, da installare in qualsiasi tipologia di pavimento, in grado di generare energia elettrica pulita camminandoci sopra, utilizzando materiali plastici reperibili sul mercato e totalmente riciclabili” raccontano i membri del team cagliaritano di Veranu.

Veranu dichiara di voler andare oltre l’idea del pavimento intelligente che produce energia green. La sequenza scelta, prima equity e poi reward, è piuttosto inconsueta (di solito avviene il contrario) e il proposito, quindi, è, molto probabilmente, quello di gettare le basi per creare una nuova serie di prodotti utilizzando la campagna su Eppela come mezzo di comunicazione per raggiungere un’ampia platea di potenziali fruitori.

Lascia un commento

avatar