Il P2P lending italiano arma contro la crisi di liquidità dell’emergenza Coronavirus

BorsadelCredito lancia Cash Anti Covid-19, un prestito per le PMI in crisi , mentre Prestiamoci mette in campo (P)Resta a casa per agevolare l’accesso ai prestiti personali

borsa del credito prestiamoci

Il settore del P2P lending si sta mobilitando contro l’emergenza sanitaria innescata dal Coronavirus (COVID-19). In particolare, in Italia le fintech Borsa del Credito e Prestiamoci hanno messo in campo due iniziative, destinate rispettivamente alle PMI e ai privati.

Prestiti per le imprese

BorsadelCredito.it ha lanciato Cash Anti Covid-19: un finanziamento per sostenere le PMI italiane colpite dall’emergenza sanitaria da Coronavirus. Si tratta di un finanziamento bullet della durata di 6 mesi progettato per coprire le spese correnti delle PMI (come salari e stipendi, affitti, utenze, ecc.) per il prossimo semestre. Attraverso questo prodotto, Borsa del Credito andrà ad anticipare fino a 500 mila euro per le imprese che hanno un fatturato annuo maggiore di 10 milioni, e fino a 300 mila per le imprese sotto questa soglia.

L’azienda ripagherà l’anticipo ricevuto solo allo scadere dei 6 mesi, attraverso un ulteriore finanziamento rateale della durata di 12 mesi o più. Il finanziamento è rivolto a tutte le aziende sul territorio italiano il cui business è o sarà messo in difficoltà a causa dell’emergenza Covid-19.

“In un periodo delicato come quello che l’Italia si trova ad affrontare in queste settimane e nei prossimi mesi, abbiamo sentito l’esigenza di mettere a disposizione le nostre competenze per creare un finanziamento dedicato a tutte quelle pmi sane che dovranno vivere una situazione di difficoltà a causa di questa emergenza sanitaria e avranno bisogno di liquidità per pagare gli stipendi, gli affitti e le altre spese correnti. Abbiamo creato questo nuovo prodotto in una settimana: abbiamo potuto farlo perché flessibilità e personalizzazione sono le cifre caratteristiche del fintech, che sta dimostrando di essere una risorsa utilissima a supporto delle imprese in questa difficile contingenza”, ha spiegato Antonio Lafiosca, Group COO di Borsa del Credito.

Prestiti per i privati

Prestiamoci invece ha lanciato (P)Resta a casa: sfruttando le più recenti tecnologie bancarie, permette a chiunque di ottenere un prestito da casa, senza bisogno di recarsi in banca nemmeno per l’estratto conto. Questo è possibile grazie anche all’implementazione dei servizi legati all’Open Banking (PSD2) che consentono a Prestiamoci, su richiesta del cliente, di accedere ai dati bancari direttamente e ottenere, per esempio, l’estratto conto necessario per la pratica di prestito. Il servizio fa leva anche su un servizi di assistenza online potenziato per fronte all’emergenza e completamente gratuito.

Daniele Loro, amministratore delegato di Prestiamoci, ha commentato: “La capacità di lavorare al 100% a distanza, su cui abbiamo investito in passato, è oggi un valore assoluto che mettiamo immediatamente a disposizione della comunità. Le possibilità offerte dalla tecnologia con l’affiancamento a distanza dei nostri fidati dipendenti ci permette di dare continuità ad un servizio essenziale quale il finanziamento alle famiglie.  Sulla scia di (P)Resta a Casa promuoveremo tutte le iniziative di sostegno alle famiglie che sarà possibile attuare, anche sostenuti dalla forte community di Prestiamoci e dalle istituzioni.”

Chi sono Borsa del Credito e Prestiamoci

BorsadelCredito è la piattaforma fintech italiana dedicata ai prestiti alle pmi, partecipata da P101 sgr, gruppo Azimut e GC Holding. Borsa del Credito è il primo operatore italiano di P2P lending per le pmi. E’ stata fondata nell’ottobre 2013 da Antonio Lafiosca, Alessandro Andreozzi e Ivan Pellegrini come piattaforma digitale di brokeraggio per il credito alle aziende e nel 2015 ha aperto il suo canale di P2P lending. Specializzata nel credito alle micro e pmi, vanta oltre 25 mila aziende clienti, 4.000 prestatori e più di 80 milioni di euro erogati.

Borsa del Credito fa capo alla holding Business Innovation Lab spa, che controlla al 100% altre due società: Mo.Net spa, autorizzata a svolgere i servizi di peer-to-peer lending; Art sgr spa, che gestisce fondi alternativi di investimento riservati ad investitori professionali. Ricordiamo che Borsa del Credito nell’aprile 2019 ha lanciato con Confidi Sistema! Prader Bank Systema Credit Fund, fondo italiano di direct lending per piccole e microimprese.

 

Prestiamoci è partecipata da Digital Magics, Innogest sgrBanca Sella holding, Club Italia Investimenti 2 e altri investitori italiani e internazionali. Prestiamoci, autorizzata da Banca d’Italia ex art 106 TUB, gestisce l’omonimo marketplace di prestiti personali fra privati a cui prende parte finanziando i prestiti erogati a fianco dei propri clienti prestatori. Con tassi di crescita a tre cifre, la società ha oggi circa 3200 clienti, ha erogato quasi 21 milioni di euro ed è la prima piattaforma Italiana nel comparto consumer, circa la decima in Europa continentale.

Prestiamoci, nell’ottobre del 2018, ha avviato un’operazione di cartolarizzazione di prestiti personali di cui una porzione relativa al portafoglio che aveva in carico, una porzione di prestiti erogati negli ultimi sei mesi ed un’ultima parte di prestiti che erogherà nel prossimo futuro. In dettaglio, l’operazione comprenderà crediti fino a 25 milioni in 18 mesi.

La società ha anche ottenuto dall’Istituto Tedesco Qualità e Finanza il sigillo di qualità come migliore offerta in Italia per i prestiti del Social Lending, conseguendo il livello TOP: il bollino di “TOP Condizioni” nel Social Lending, con valutazione “Ottima” per tre anni di seguito.

Commenti chiusi