Come la blockchain sta cambiando il crowdfunding in Francia

Gli esperimenti di SmartAngels (equity crowdfunding) con BNP Paribas e di Lumo (energia solare), in accordo con il Tesoro francese, portano smart contract e ICO nel presente

 

Blockchain e ICO stanno cambiando il crowdfunding in Francia

L’anno scorso, come avevamo riportato, la piattaforma francese di equity crowdfunding dedicata alle PMI SmartAngels aveva firmato una partnership con BNP Paribas Securities Services per sviluppare una piattaforma basata su blockchain. In tal modo, la piattaforma consente agli emittenti di titoli di digitalizzare il registro azionario e agli investitori di disporre del loro portafoglio di attività online, tutti conservati in un registro decentrato e sicuro.

Recentemente è stata condotta una “proof of concept” con Sigfox, una società cliente della banca, e con quattro start-up che hanno raccolto fondi su Smart Angels. “Questo test è stato un vero successo e abbiamo digitalizzato l’intero processo di sottoscrizione, che era un bisogno reale per i clienti, i quali ora possono trovare tutti i loro titoli nello stesso posto“, dice Benoît Bazzocchi, presidente di SmartAngels. Ma questo è solo l’inizio. “Vogliamo andare oltre e digitalizzare il rapporto con l’azionista, come la gestione dei documenti“, afferma Benoît Bazzocchi.

Tuttavia, Bazzocchi non vuole cadere nel “tutto con blockchain”. “Non tutti i processi e i documenti non devono essere su blockchain. Alcuni dati possono avere un valore giuridico tradizionale e altri hanno bisogno della blockchain per avere una prova della loro integrità“, spiega.

BNP Paribas Securities Services sta attualmente esplorando le opzioni per l’industrializzazione della piattaforma tecnologica che permetterà a SmartAngels di commercializzare servizi di digitalizzazione dei titoli e servizi di gestione del portafoglio. “Domani, potremo anche immaginare di pagare i titoli e di scriverli direttamente sul blockchain, semplificando così il crowdfunding“, ha aggiunto Bazzocchi.

Intanto Lumo, una piattaforma di crowdfunding specializzata in energie rinnovabili, ha condotto un progetto simile. Ha già rilasciato più di 800 000 euro in forma “minibons“, una forma di mini-bond (titoli obbligazionari emessi da PMI) resa possibile da una legge voluta da Macron nel 2016, che possono essere emessi e scambiati solo sulle piattaforma di crowdfunding autorizzate.

La blockchain accelera l’emissione di minibon e riduce i costi di transazione“, ha dichiarato Alex Raguet, presidente di Lumo. Oltre agli interessi dei minibons, gli abbonati ricevono ogni sei mesi una quantità di “SolarCoins”, certificati di produzione di energia rinnovabile basata su blockchain, che permettono di conoscere la tracciabilità dell’energia prodotta. Lumo ha rilasciato 800.000 euro in minibons che “corrispondono alla produzione effettiva dei progetti solari che gli investitori hanno scelto di finanziare, e che, quindi, non solo dimostrano l’impatto finanziario, ma anche il loro impatto sull’ambiente“, spiega Alex Raguet .

Il “tasso di cambio” è 1 “SolarCoin” per 1 megawatt di ora prodotta. Inoltre, così come il bitcoin, ha un valore scambiabile sulle piattaforme di cripto-valuta. Il fornitore di elettricità verde alternativo ekWateur li accetta già come metodo di pagamento. Anche Lumo immagina che un giorno sarà possibile pagare con SolarCoins servizi legati all’ambiente come i pedaggi urbani in alcuni comuni. Lumo, come tutti gli altri attori, è fermamente in attesa del progetto di regolamento del Tesoro relativo alla trasmissione e alla rappresentazione di taluni titoli finanziari attraverso il blockchain.

Commenta

  • Iscriviti alla Newsletter settimanale di Crowdfunding Buzz