Lanciata In Spagna la prima piattaforma di equity crowdfunding al mondo di un’amministrazione pubblica

La provincia basca della Biscaglia ha lanciato un portale di equity crowdfunding per le startup residenti ma aperto a investitori di tutto il mondo. Lanciato anche un fondo per le PMI

 

Amministrazione pubblica lancia piattaforma equity crowdfunding

 

La provincia di Biscaglia (Bizkaia) ha lanciato una piattaforma di equity crowdfunding per il finanziamento di progetti innovativi nella regione. E’ solo la più recente nell’ambito di una serie di iniziative che promuove l’imprenditorialità nei Paesi Baschi.

Si tratta del primo esempio al mondo di piattaforma di equity crowdfunding sostenuta da un’amministrazione pubblica al fine di incoraggiare le singole persone ad investire in startup.

A differenza delle altre piattaforme, dove qualsiasi impresa può richiedere stanziamenti, “Crowdfunding Bizkaia” accoglierà esclusivamente nuove attività scelte accuratamente dal governo provinciale. Possono partecipare imprese operanti in ogni settore, fatta eccezione per i settori finanziario, immobiliare e i “progetti di tipo speculativo”, in quanto la piattaforma ha lo scopo di promuovere iniziative imprenditoriali che rafforzino un’economia stabile.

Pre-condizione per essere ammessa sulla piattaforma, è che la startup abbia sede legale in Biscaglia in modo da incentivare le società fuori regione a trasferirsi nella provincia. Inoltre, ogni società deve superare un rigoroso stress-test finanziario/economico e una revisione approfondita del business plan.

Le società avranno a disposizione un periodo di 50 giorni per cercare i finanziamenti e la commissione sulla raccolta è dell’1% contro il 5-7% usualmente applicato dalle piattaforme. Ma non solo: le società ammesse a lanciare una campagna possono anche richiedere al governo finanziamenti per un importo proporzionale a quello raccolto presso il crowd fino a un massimo di €30.000.

Al lancio, Crowdfunding Bizkaia presenta due startup in piattaforma e una “coming soon”; l’obiettivo è di lanciare tra i 10 e i 12 progetti all’anno, che potranno essere finanziati da investitori di qualsiasi paese di provenienza a partire da un minimo di 75-1000 euro ad un massimo di 3000 euro per progetto.

L’elemento distintivo rispetto ad altre piattaforme è che Crowdfunding Bizkaia va oltre il capitale di avviamento. Ogni progetto riceve infatti gratuitamente per un anno assistenza e guida al business. Supporto che consente alle imprese di raggiungere i propri obiettivi di crescita anche tramite canali di finanziamento aggiuntivi.

L’iniziativa “Crowdfunding Bizkaia” è da inserire nel contesto del rilevante sforzo da parte dell’amministrazione locale di dare impulso alla crescita sostenibile e fare dei Paesi Baschi una fra le più interessanti destinazioni europee per gli imprenditori. Si abbina infatti a una gamma di fondi di investimento che promuovono l’innovazione locale, tra i quali Development Fund, uno strumento finanziario che si focalizza sulle piccole e medie imprese nel settore della tecnologia, FEIS (Entrepreneurship and Social Innovation Fund), orientato alle iniziative imprenditoriali socialmente utili e Mikro, finalizzato allo sviluppo delle piccole imprese, comprese le cooperative.

Il Deputato Generale della Biscaglia, Unai Rementeria, che recentemente si è recato a Madrid e l’anno scorso a Londra per promuovere la Biscaglia come una regione interessante per gli investimenti internazionali e l’imprenditorialità, ha spiegato come la priorità per il suo governo sia di favorire le nuove imprese ed incoraggiarne la crescita economica attraverso una politica industriale solida e un sistema fiscale ad esse favorevole.

L’iniziativa più recente è il “Fond Innova”, o Fondo per l’Innovazione, un deposito speciale dove i comuni cittadini possono investire una somma tra 3.000 e 5.000 euro in un fondo che ha come obiettivo la raccolta di 100-120 milioni di euro e vincolato al finanziamento delle PMI in Biscaglia in cambio di sgravi fiscali.

Lascia un commento

avatar