Le startup Qaplà e Babaiola chiudono in overfunding il loro round di equity crowdfunding

Qaplà su Mamacrowd e Babaiola su Crowdfundme, hanno chiuso in overfunding la loro camapgna di equity crowdfunding, raccogliendo rispettivamente €150k e €94k

 

Qaplà e Babaiola successo equity crowdfunding Mamacrowd Crowdfundme

Due startup hanno recentemente chiuso con grande successo la propria campagna di equity crowdfunding. Si tratta di Qaplà, che ha raccolto 150 mila euro e di Babaiola che ne ha raccolti 94 mila. Le due startup avevano pubblicato la propria offerta rispettivamente sulle piattoforme Mamacrwod e Crowdfundme.

Con questi risultati, le due piattaforme leader in Italia consolidano il proprio primato raggiungendo la prima 13 imprese finanziate per €4,3 milioni erogati, e la seconda 15 campagne di successo per €2,9 milioni racccolti.

Qaplà

Qaplà nasce dall’esigenza di gestire al meglio le spedizioni in azienda, in particolare per il controllo nel post-spedizione ed intervenire tempestivamente in caso di problemi. Offre uno strumento che permette di controllare velocemente le spedizioni su corrieri diversi e di inviare ai clienti messaggi chiari sull’avanzamento della consegna. Oggi Qapla’ aiuta le aziende, ed in particolare chi fa eCommerce, permettendo di risparmiare ore nella gestione dei problemi relativi alle consegne.

La raccolta di €150k su Mamacrowd, che aveva un obiettivo iniziale di €45 mila, è stata possibile grazie al contributo di 49 investitori, con una media versata di €3.100 a testa (qui la nostra scheda sintetica).

Babaiola

Babaiola è la community di viaggiatori LGBT dove pianificare la vacanza e confrontarsi con gli oltre 19mila viaggiatori LGBT già iscritti, provenienti da tutto il mondo. Sulla piattaforma gli iscritti trovano informazioni affidabili e sempre aggiornate su hotel, locali, pub gayfriendly ed eventi LGBT tra oltre 100 destinazioni in tutto il mondo. Attiva dal 2016, vanta numerosi accordi di collaborazione con tour operator, tra cui uno molto importante con Alpitour.

La startup ha raccolto un terzo in più dell’obiettivo iniziale grazie a 70 investitori che, dunque, hanno apportato una media di €1.300  (qui la nostra scheda sintetica).

Lascia un commento

avatar