Seedrs lancerà un mercato secondario per le azioni acquistate con equity crowdfunding

La piattaforma UK ha annunciato che entro l’estate sarà pronto un mercato secondario per scambiare le quote acquisite nel corso delle campagne

 

Seedrs mercato secondario equity crowdfunding

Seedrs offrirà un mercato secondario per le azioni delle imprese che raccolgono fondi sul suo sito. Nel Regno Unito esistono già mercati secondari per società non quotate, come Asset Match, ma Seedrs sarà la prima piattaforma di crowdfunding del Regno Unito ad aprirne uno per i propri investitori e le proprie imprese.

Lanciata cinque anni fa, Seedrs ha finora raccolto 210 milioni di sterline per circa 500 aziende e, insieme alla piattaforma rivale Crowdcube, domina il settore dell’equity crowdfunding in UK. Tuttavia, sebbene alcune imprese supportate sulla piattaforma siano successivamente maturate abbastanza da quotarsi sui mercati azionari o per attirare un acquirente, gli investitori, nella stragrande maggioranza dei casi, non hanno modo di vendere le proprie partecipazioni, anche quando queste hanno aumentato significativamente il loro valore.

Per contrastare l’illiquidità, che dissuade molti investitori dall’utilizzare l’equity crowdfunding, Seedrs proporrà da quest’estate un mercato di scambio secondario. Il “mercato” sarà aperto per la negoziazione per una sola settimana al mese, e le azioni saranno scambiate solo ad una “fair value” dettata dalla politica di valutazione di Seedrs.

In Italia, diverse piattaforme e anche un intermediario finanziario importante come Intermonte SIM stanno da lungo cercando una via per aprire mercati secondari. Esistono tuttavia alcuni vincoli strutturali che ne impediscono una rapida e fluida adozione. Primo fra tutti il fatto che la compravendita delle quote, essendo nominali, dovrebbe essere eseguita di fronte a un notaio, quindi off-line e con costi che potrebbero superare il valore stesso della transazione.

Jeff Lynn, fondatore di Seedrs, ha dichiarato che ogni finestra di negoziazione di una settimana avrà inizio il martedì e che l’azienda monitorerà attentamente l’esperimento per evitare abusi. La finestra potrebbe essere estesa anche a una data successiva se i volumi di trading lo giustificassero.

Abbiamo ascoltato la nostra enorme base di investitori, che hanno sempre mostrato il desiderio di un meccanismo per acquistare e vendere azioni delle nostre società di portafoglio“, ha dichiarato Lynn. Anche gli investitori di Seedrs hanno salutato l’iniziativa con favore. Tim Levene, socio gestore di Augmentum Capital, ha dichiarato: “Questa iniziativa è dirompente per l’equity crowdfunding, infatti, affinché l’industria possa veramente scalare, un mercato secondario è essenziale e creerà un’occasione reale per assicurare rendimenti ai primi investitori e rendere questa classe di asset più attraente per i nuovi investitori “.

La complessità di gestire un mercato secondario deriva anche dai canoni di trasparenza che bisogna osservare al fine di evitare che gli investitori meno informati rischino di non ricevere un prezzo equo per le loro partecipazioni, nel caso in cui le regole non siano adeguatamente osservate. Lynn ha promesso di proteggere gli interessi degli investitori: “L’importanza della protezione degli investitori è una delle ragioni per cui il mercato secondario opererà solo per una settimana alla volta” ha affermato. “Stiamo lanciando questo prodotto in forma beta, in modo da osservare i comportamenti e apportare miglioramenti in corso d’opera“.

Lascia un commento

avatar