Spopolano con il reward crowdfunding le versioni cittadine del Monopoli

L’incredibile successo del reward crowdfunding di Torinopoli su ProduzioniDalBasso, ha scatenato le altre città. La versione livornese ha già raccolto e ora tocca a Roma e Pesaro

 

Torinopoli successo crowdfunding versioni cittadine del monopoli

In realtà la prima fu Livorno. L’artista Giusy Anzovino aveva brevettato una versione per la sua città con triglie e maglie di Igor Protti che si muovono tra piazza delle Carrozze e via del Littorale. Ne ha vendute 2000 copie che sono andate esaurite e ha quindi lanciato una campagna sulla piattaforma ProduzioniDalBasso per produrre la seconda edizione. Grazie a 44 sostenitori la campagna ha raggiunto il suo obiettivo.

Il caso più eclatante però è quello di Torinopoli. Prima dello scorso Natale, un gruppo di ragazzi torinesi ha lanciato una campagna di crowdfunding su ProduzioniDalBasso che, grazie a 607 sostenitori ha raccolto quasi 20.000 euro. Visto il successo, ed andate esaurite le copie, i ragazzi ci hanno riprovato lanciando una seconda campagna che si concluderà il 28 febbraio e che ha già raccolto più di €40 mila grazie a 1220 sostenitori, a fronte di un obiettivo iniziale di €10 mila.

Il clamore di questo successo è stato rinfocolato grazie all’intervista di Luciana Litizzetto su Radio DeeJay dove i ragazzi di Torinopoli hanno lanciato l’idea di una versione del Monopoli per ogni città italiana: “Pensi di conoscere bene la tua città? I proverbi in dialetto, le usanze particolari e le informazioni più segrete… allora proponi la versione del gioco per la tua Città!”.

Nel frattempo le repliche non si sono fate attendere. Sempre su ProduzioniDalBasso è in raccolta la campagna di Romanopoli, nella cui versione dedicata alla città eterna, per esempio, le carte degli imprevisti si chiamano DE L’IMPICCI (E MO CHE FAMO?) e quelle delle Probabilità diventano DER CASO (HAI VISTO MAI!).

Il prossimo 12 Febbraio, infine, partirà anche la campagna dedicata alla versione pesarese del Monopoli che, ovviamente, si chiamerà Pesaropoli.

Lascia un commento

avatar