Open Innovation: il Gruppo FNM compra il 33% di Sportit, dopo la sua campagna di equity crowdfunding del 2019

Ferrovie Nord entra nel capitale della startup della piattaforma Snowit che aveva chiuso con successo una campagna di equity crowdfunding da 430k su CrowdFundMe

 

Snowit

Il Gruppo FNM, che controlla Ferrovie Nord Milano, detiene partecipazioni in altre infrastrutture di mobilità e fa capo a Regione Lombardia, ha acquisito per 2,5 milioni euro il 33% di Sportit, società proprietaria della piattaforma Snowit, che consente di prenotare skipass, attrezzatura da neve ed esperienze in montagna. Il valore post-money di Sportit è quantificabile in 8 milioni di euro, pari al doppio rispetto dai 4 milioni pre-money della raccolta sul portale di equity crowdfunding CrowdFundMe, condotta nel 2019.

La società, attraverso la campagna, aveva raccolto oltre 430 mila euro da 290 soci. Capitali che hanno di fatto contribuito al percorso di crescita della società. Basti pensare che dalla raccolta su CrowdFundMe a oggi, Snowit è passata dalla presenza in 40 località di montagna a oltre 130. Snowit è un marchio registrato di Sportit, che offre servizi di skipass online, noleggio sci, lezioni e scuole di sci, esperienze in montagna, combinazioni di alberghi e skipass. La società è stata fondata nel 2016 e ha sede a Milano. Sportit ha chiuso il bilancio al giugno 2021 con ricavi per 856 mila euro, un ebitda negativo di 192 mila euro e una liquidità finanziaria netta di 76 mila euro (si veda qui l’analisi di Leanus, una volta registrati gratuitamente).

Pasquale Scopelliti, CEOe co-fondatore di Sportit, ha dichiarato: “FNM, uno dei principali gruppi di mobilità sostenibile e integrata in Europa, si configura come un partner strategico per Snowit perché permette di completare la nostra offerta con servizi di trasporto/mobilità ferroviari e su gomma, delineando quindi un binomio vincente, che può garantire lo sviluppo di un’offerta integrata di servizi per il collegamento tra le grandi città europee e le destinazioni turistiche di montagna italiane. La campagna di equity crowdfunding che abbiamo portato a termine nel 2019 è stata un passaggio di crescita fondamentale per noi. In primo luogo ci ha consentito di raccogliere le risorse economiche necessarie per trasformare la nostra idea imprenditoriale in un’azienda vera e propria. Inoltre, contestualmente, è stata condotta con successo, da parte di CrowdFundMe, una campagna di comunicazione e di marketing finalizzata a costruire la brand awareness e in quel momento è risultato strategico per Snowit”.

Tommaso Baldissera Pacchetti, amministratore delegato di CrowdFundMe, ha affermato: “Ricevere un investimento da 2,5 milioni di euro da FNM è un importante risultato. Inoltre la valutazione post-money di 8 milioni di euro significa un raddoppio rispetto ai 4 milioni pre-money della campagna sul nostro portale. Sportit si va quindi ad aggiungere ai successi di Alea, My Cooking Box e OffLunch”.

Quest’ultima è il primo servizio di food delivery disegnato appositamente per la pausa pranzo in ufficio e lo scorso febbraio ha chiuso un round di 400 mila euro, sottoscritto da Cdp Venture Capital sgr – Fondo Nazionale Innovazione nel febbraio scorso. Ricordiamo che OfflLunch nel 2019 aveva già incassato 199 mila euro con una campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe. Alla campagna avevano aderito anche: Ciro Immobile, attaccante della Lazio e della Nazionale, che ha investito 10 mila euro tramite la sua holding 9 InvestSeed Money srl, veicolo di investimento e acceleratore di start up early age fondato da Seed Venture Partners. Il veicolo era entrato nel capitale della startup con una quota di tipo C, con diritti patrimoniali e di voto, investendo 15 mila euro.

My Cooking Box, società che realizza cofanetti per preparare le migliori ricette italiane, ha incassato lo scorso maggio nuovo round da 2 milioni di euro, guidato da Ponti, la nota società di Ghemme (Novara) produttrice di aceto e prodotti sotto aceto. La startup nel febbraio 2019 aveva raccolto un milione di euro, di cui 533 mila in equity crowdfunding sulla piattaforma MamaCrowd e il resto presso altri investitori. Tra questi rientrava Cameo, la nota azienda tedesca presente da oltre 80 anni in Italia e specializzata in torte, pizze e dessert, che è entrata nel capitale con una quota di minoranza. Prima ancora, nel 2016, My Cooking Box aveva raccolto circa 120 mila euro con una campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma CrowdFundMe.

Alea è una società di sistemi push-to-talk che ha incassato 390 mila euro da 87 investitori su CrowdFundMe. Leonardo ha acquisito la quota di maggioranza di Alea nel giugno scorso.

Commenti chiusi