Lanciato a Torino il primo distretto dedicato a reward e donation crowdfunding

Il comune di Torino ha creato l’European Crowdfunding Center, un luogo per mettere in contatto esperti di crowdfunding e marketer con promotori di progetti di innovazione sociale

 

European Crowdfunding Center Torino per reward e donation

 

La Città di Torino ha lanciato il primo distretto italiano dedicato a reward e donation crowdfunding: l’European Crowdfunding Center, che sarà gestito da Guanxi, società di consulenza strategica, Soluzioni Turistiche Integrate e Fondazione Giacomo Brodolini.

Le attività del European Crowdfunding Center si concentreranno “sulla progettazione di percorsi di creazione di competenze, sviluppo e accompagnamento di team di innovatori in grado di sviluppare progettualità che possano trovare, nello strumento del crowdfunding, una modalità innovativa per promuoversi e per reperire fondi per avviare e far crescere i propri progetti”.

Con sede presso INCET-Innovation Center Torino, il primo hub italiano del crowdfunding ha come obiettivi ultimida un lato quello di aumentare l’attrattività del territorio e supportare la crescita dell’imprenditoria sociale dell’area metropolitana di Torino, e dall’altro quello di creare un ecosistema in grado di attrarre risorse, idee, talenti, finanziamenti.

Il centro si rivolge a tutti i soggetti operanti nel settore no profit: imprenditori, studenti, ricercatori, singoli individui o team con idee innovative, che potranno partecipare alle attività dell’European Crowdfunding Center e che verranno assistiti nel lancio e nella gestione di campagne di reward o donation crwodfunding per finanziare il proprio progetto di innovazione sociale.

A Diariodelweb, Alberto Giusti, di Guanxi, ha dichiarato: “La nostra idea è quella di creare un hub di freelancer che abbiano competenze specifiche in tutti quei settori utili alla realizzazione delle campagne di crowdfunding. Quindi esperti di storytelling, videoediting, marketing, social media e, non ultimi, esperti di crowdfunding. Siamo naturalmente aperti a ospitare anche le principali piattaforme di crowdfunding. Per ora lavoriamo in collaborazione con Ulule, la più grande piattaforma reward e donation europea”.

La prima attività organizzata, è un corso introduttivo di 4 ore sul crowdfunding, ad accesso gratuito, per offrire una panoramica di base su come strutturare un progetto adatto ad una campagna di crowdfunding.

Ecco invece le iniziative, già pianificate, per i prossimi mesi:

  • Call for idea: sarà lanciata una call per la selezione di almeno 30 team di partecipanti proveniente dal non profit, con idee innovative ad impatto sociale, per partecipare alla Social Crowdfunding Academy . (Maggio 2018)
  • Lancio della Social Crowdfunding Academy: una serie di 6 workshop, dedicati ad altrettanti aspetti del crowdfunding, a cui avranno accesso i soggetti selezionati dalla call for idea. I corsi avranno carattere intensivo ed avranno un approccio pratico, portando alla creazione di una campagna di crowdfunding. (Giugno-Luglio 2018)
  • Selezione di 10 team che saranno accompagnati nella scrittura, lancio, e gestione della campagna di crowdfunding. (Settembre 2018)
  • Gli eventi di lancio delle campagne saranno realizzati presso INCET, o in alti luoghi individuati, attirando una platea di stakeholder e major donors. (Settembre – Ottobre 2018)

Lascia un commento

avatar