La prima piattaforma on line italiana dedicata ai matrimoni eco sostenibili lancia campagna di equity crowdfunding

Assiteca Crowd presenta la nuova campagna di equity crowdfunding di Shibuse, startup che facilita l’organizzazione di matrimoni “green”

 

Shibuse campagna equity crowdfunding AssitecaCrowd

Dopo alcuni mesi di pausa, dovuti ad assestamenti societari, torna in pista Assiteca Crowd una delle prime piattaforme di equity crowdfunding italiane ad aver chiuso un round di successo. Nei giorni scorsi è stata lanciata sulla piattaforma la raccolta fondi di Shibuse.

La startup ha realizzato una piattaforma web dedicata ai matrimoni eco sostenibili e, recentemente, è stata una delle finaliste della seconda edizione del contest web “Assiteca Crowd Startup Showcase”.

Shibuse ha lanciato la propria campagna di equity crowdfunding proprio su Assiteca Crowd con l’obiettivo di raccogliere almeno 120 mila euro a fronte di una quota di equity del 23%, per una valutazione pre-money, quindi, di €400.000.

Shibuse nasce con l’intento di favorire l’incontro tra fornitori e utenti per fornire soluzioni green per i matrimoni e le unioni civili. Si tratta di un marketplace in cui l’utente può trovare tutto il necessario per la realizzazione delle proprie nozze green, mentre le piccole e micro realtà imprenditoriali attive in questo settore possono ricevere un forte supporto al loro sviluppo. Numerosi i fornitori che hanno già aderito alla piattaforma, offrendo prodotti e servizi per tutti i gusti e per tutte le tasche, dalle partecipazioni piantabili, agli abiti da sposa eco chic, dalle bomboniere di semi, tisane e miele bio, fino a veri e propri gioielli sposa in seta a km 0 realizzati grazie al riutilizzo di scarti di lavorazione.

In futuro sviluppo è prevista la creazione di un wedding planner on line, un sistema di organizzazione del matrimonio automatizzato e geolocalizzato in grado di accompagnare le future coppie di sposi nell’organizzazione delle proprie nozze.

Quando abbiamo cominciato a contattare i fornitori – spiegano le fondatrici Simona e Adriana – ci siamo rese subito conto delle enormi competenze nascoste nelle piccole realtà produttive, a volte artigianali, e della grande passione con cui svolgono il loro lavoro”.

Si stima che un matrimonio con una media di 100 invitati lascia dietro di sé un impatto sull’ambiente, in termini di emissioni, di circa 2,5 tonnellate di CO2, stando a quanto calcolato da Million Zero CO2. Secondo Tommaso D’Onofrio, amministratore delegato di Assiteca Crowd: “ Si tratta quindi di un progetto che si lega ad una crescente sensibilità ambientale perfettamente coerente con i valori e la storia della nostra piattaforma.”

Lascia un commento

avatar