Italy Crowd, piattaforma di crowdfunding immobiliare, sarà gestita con tecnologia blockchain

Italy Crowd sarà la prima piattaforma nativa blockchain di crowdfunding immobiliare in Europa. Al via anche un round di equity crowdfunding

 

Italy Crowd piattaforma crowdfunding immobiliare round equity crowdfunding

 

Italy Crowd, nuova piattaforma di crowdfunding immbiliare, sta sviluppando una nuovo motore basato su tecnologia blockchain, grazie alla tecnologia apportata dal socio Swiss Crowd SA, società per azioni di diritto svizzero specializzata in finanza tecnologica e crowdfunding, nonché software house che detiene licenze e tecnologia blockchain di proprietà.

Swiss Crowd ha recentemente contribuito a realizzare la prima operazione immobiliare blockchain in Italia che ha permesso la tracciabilità degli investimenti. La piattaforma potrà operare come piattaforma di lending immobiliare anche grazie all’accordo con Lemonway, istituto di pagamento francese che gestisce oltre 200 piattaforme di crowdfunding in Europa.

Italy Crowd era stata creata come club deal nel 2015 dall’imprenditore Augusto Vecchi, sulla scorta del successo di alcune operazioni di successo effettuate in Svizzera (ne parlammo qui su Crowdfunding Buzz)

Nei giorni scorsi, la società ha lanciato un round di equity crowdfunding sulla piattaforma Opstart (qui la nostra scheda sintetica)  con l’obiettivo di raccogliere da 50 a 380 mila a fronte di una valutazione pre-money di 1,2 milioni.

Ricordiamo che, nel 2019 in Italia, il lending immobiliare ha fatto registrare una raccolta di 18,5 milioni (su 35 dell’intero real estate crowdfunding) con 92 progetti immobiliari finanziati.

più nuovi più vecchi
trackback

[…] Italy Crowd è stata lanciata il 12 gennaio 2015, importando un modello di business autorizzato in Svizzera. Vecchi infatti, dopo un viaggio negli Usa nel 2010, si è reso conto che il crowdfunding stava diventando molto rilevante per la ricerca del capitale, per cui ha iniziato a studiare il modo di applicarlo al settore immobiliare. Il primo esempio concreto è stata la piattaforma svizzera Swiss Crowd,  lanciata nel 2014 e basata su software italiano: un modello portato in Italia l’anno successivo. All’epoca il crowdfunding non era ancora regolamentato, per cui Italy Crowd è nata con un modello di business… Leggi il resto »

trackback

[…] All’epoca il crowdfunding non era ancora regolamentato, per cui Italy Crowd è nata con un modello di business ibrido, dove la raccolta era effettuata su un massimo di 20 investitori. Nell’agosto scorso, Italy Crowd si è allineata alla normativa vigente sul crowdfunding, diventando agente di pagamento per l’istututo di pagamento Lemonway. Sempre nel 2020, il portale ha lanciato la prima piattaforma di lending crowdfunding immobiliare nativa blockchain in Europa. […]