La finanza alternativa raccoglie nel mondo 114 miliardi, con una crescita del 24% rispetto al 2019

L’Università di Cambridge ha rilasciato il rapporto 2020 sulla finanza alternativa mondiale nel quale emerge una crescita globale, nonostante Covid e ridimensionamento della Cina

 

Cambridge University report 2021 su Finanza Alternativa nel mondo

 

L’Università di Cambridge ha rilasciato il secondo rapporto sulla finanza alternativa nel mondo, un sondaggio effettuato con 703 piattaforme di tutto il mondo per definire le dimensioni e le dinamiche dei mercati relativi a P2P Lending (Consumer e Business), Balance Sheet Lending, Invoice Trading, Minibond, Equity Crowdfunding, Reward e Donation Crowdfunding.

Il mercato globale della finanza alternativa online è cresciuto costantemente negli ultimi tre anni. I volumi globali (escludendo la Cina che pesava il 48% del mercato nel 2019 e solo il 1% nel 2020) sono aumentati del 3% da $ 89 miliardi nel 2018 a $ 91 miliardi nel 2019. E nel 2020, nonostante il COVID-19, il volume globale è aumentato di un ulteriore 24% su base annua raggiungendo $113 miliardi.

Nel 2020, il maggiore mercato alternativo regionale è stato quello degli Stati Uniti con $ 73,62 miliardi, che rappresentano il 65% del volume totale. Seguono Regno Unito ($ 12,64 miliardi), Europa escluso Regno Unito ($ 10,12 miliardi), Asia Pacifico esclusa Cina ($ 8,90 miliardi), America Latina ($ 5,27 miliardi), Africa Sub Sahariana ($ 1,22 miliardi), Cina ($ 1,16 miliardi) e Medio Oriente e Nord Africa (0,59 miliardi di dollari).

Il P2P/Marketplace Consumer Lending a livello globale nel 2019, escludendo la Cina,  è rimasto il tipo di modello più grande, con un volume totale di $33,6 miliardi, pari al 37% del totale nel 2019. Nel 2020, sebbene sia ancora il maggiore modello di business, la crescita ha rallentato notevolmente, rappresentando un volume totale di 34,7 miliardi di dollari, ovvero il 31% della quota di mercato globale.

Visto il relativo predominio negli Stati Uniti, non sorprende vedere che il modello del Balance Sheet Business Lending (prestiti alle imprese in cui la piattaforma è il prestatore e non l’intermediario come nel P2P lending) ha registrato il secondo volume di transazioni più alto per entrambi gli anni, con 19 miliardi di dollari nel 2019 e 28 miliardi di dollari nel 2020. È interessante notare che la ricerca ha rilevato che il 16% delle piattaforme che in precedenza gestiva solo un modello P2P/Marketplace ora ha adottato anche il Balance Sheet Business Lending.

Il modello di crowdfunding basato sulle donazioni ha registrato una crescita esponenziale, pari a 7 miliardi di dollari a livello globale nel 2020. Il balzo della crescita annuale del 160% tra il 2019 e il 2020 può essere attribuito in gran parte alla raffica di iniziative di beneficenza, comunità e salute legate al COVID-19. relative attività di raccolta fondi online in tutto il mondo.

La concentrazione del mercato finanziario alternativo, a livello aggregato rimane relativamente bassa. Tuttavia, l’analisi rileva che 7 modelli alternativi online su 10 hanno registrato una maggiore concentrazione di mercato nel 2020 rispetto al 2019: in particolare, ciò è accaduto soprattutto P2P Business Lending, Balance Sheet Business Lending e P2P Consumer Lending.

Zoom sull’Europa

Dal 2013 al 2019 i volumi del mercato europeo della finanza alternativa online (compreso il Regno Unito) sono cresciuti costantemente da $1,5 miliardi nel 2013 a $23,2 miliardi nel 2019. Tuttavia, il 2020 ha visto un calo complessivo  a $22,6 miliardi, che rappresenta la prima diminuzione del volume di mercato dal 2013.

Il Regno Unito ha rappresentato il 56% del mercato europeo in termini di volume. Nel Regno Unito, l’alternativa online del settore finanziario ha registrato una crescita annua costante del volume di mercato negli ultimi cinque anni, in crescita da $4,9 miliardi nel 2015 a $12,6 miliardi nel 2020 e, nonostante le sfide poste da COVID-19 e altri fattori, il mercato della finanza alternativa online del Regno Unito è cresciuto da $ 11 miliardi nel 2019 a $ 12,6 miliardi in 2020.

Se si esclude il Regno Unito, i volumi del mercato europeo sono diminuiti in modo più sostanziale dal 2019 al 2020, riportando una riduzione di $ 2,3 miliardi, da $ 12,2 miliardi nel 2019 a $ 9,9 miliardi nel 2020. Se si considera il volume di mercato a livello di paese, alcuni paesi sono in controtendenza rispetto alla tendenza generale europea e sono cresciuti tra 2019 e 2020: Germania (da $ 1,42 miliardi a $ 1,48 miliardi), Francia ($ 1,32 miliardi a $ 1,66) miliardi) e Italia (da $ 1,55 miliardi a $ 1,86 miliardi).

Il 47% dei volumi hanno finanziato le PMI

Nel 2020, il volume di finanza alternativa online (esclusa la Cina) che è andato alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) è aumentato notevolmente. Nel 2019, la finanza alternativa online globale per le imprese ha rappresentato 35 miliardi di dollari, in aumento del 13% su base annua e nel 2020, è aumentata in modo significativo del 51% su base annua fino a 53 miliardi di dollari. A titolo di confronto, nel 2019, la raccolta alle imprese era stata del 38% del volume totale, mentre nel 2020 la raccolta alle imprese ha rappresentato il 47% del volume totale.

Come negli anni precedenti, la finanza alternativa online per le imprese derivava in gran parte da modelli basati sul debito, con 32,8 miliardi di dollari di finanziamenti del debito raccolti nel 2019 (o il 94% di tutti i finanziamenti aziendali) e 49,6 miliardi di dollari raccolti nel 2020 (94%). I modelli basati su Equity hanno contribuito con 1,5 miliardi di dollari nel 2019 e 2,2 miliardi di dollari nel 2020 (3% nel 2019 e 4% nel 2020). I modelli non di investimento (es. Reward Crowdfunding) hanno rappresentato $533 milioni nel 2019 e $744 milioni nel 2020.

I volumi di finanziamento più elevati per le PMI sono stati registrati negli Stati Uniti (15,4 miliardi di dollari nel 2019; 32 miliardi di dollari nel 2020), nel Regno Unito (6,5 miliardi di dollari nel 2019; 6,4 miliardi di dollari nel 2020) e in Europa (4,3 miliardi di dollari nel 2019; 5,2 miliardi di dollari nel 2020).

Il ruolo sempre più rilevante degli investitori istituzionali

Gli investitori istituzionali svolgono un ruolo importante nel funzionamento del mercato della finanza alternativa online, e ancora di più nel contesto della pandemia. Sulla base dei dati forniti dal 58% delle osservazioni a livello aziendale, nel 2019, circa 28,5 miliardi di dollari del volume di mercato erano stati finanziati da investitori istituzionali, pari al 16% dell’intero volume globale per quell’anno. Nel 2020, sulla base del 60% delle osservazioni a livello di impresa, circa 43,6 miliardi di dollari del volume di mercato sono stati finanziati da investitori istituzionali, che rappresentano il 42% dell’intero volume globale. Ciò rappresenta una crescita del 53% su base annua del volume dei finanziamenti istituzionali.

Nel complesso, i modelli basati sul debito costituiscono la percentuale più elevata di finanziamento istituzionale, con la maggior parte dei modelli basati sul debito che hanno più di due terzi del finanziamento totale fornito da investitori istituzionali.

Dal punto di vista geografico, le piattaforme negli Stati Uniti e in Canada hanno registrato il più alto livello di finanziamento istituzionalizzato sia nel 2019 (74%) che nel 2020 (98%).

I rischi percepiti dalle piattaforme

Analizzando i rischi chiave dal punto di vista delle piattaforme, per la maggior parte degli intervistati, un cambiamento nella regolamentazione è percepito come il maggior rischio potenziale per le aziende. Queste preoccupazioni erano particolarmente evidenti nelle aziende che offrono servizi relativi al prestito al consumo P2P (50%), di balance sheet consumer lending (52%) e di Invoice Trading (50%). Inoltre, le frodi dei clienti sono classificate come una delle principali preoccupazioni per le le piattaforme di Invoice Trading (58%), prestiti immobiliari p2p (42%) e prestiti al consumo in bilancio (41%).

Commenti chiusi