Overfunding del 198% per la campagna di equity crowdfunding di InfinityHub. Obiettivo IPO nel 2023

La energy social company italiana InfinityHub ha già raccolto oltre 650k e punta alla quotazione in borsa, prevista entro l’estate del 2023

 

infinityhub cbuzz

 

InfinityHub, energy social company italiana e spa benefit attiva nell’efficientamento energetico, ha lanciato una campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe, con una valutazione di 37,5 milioni di euro e un obiettivo di raccolta di 329 mila euro che è stato già battuto: InfinityHub attualmente è in overfunding del 198%, con una raccolta di 651 mila euro, pari all’1,7% del capitale.

Si tratta della dodicesima campagna di equity crowdfunding per la società, che sta contribuendo alla realizzazione di lavori di portata nazionale ed europea, tra cui: Bys, piste ciclopedonali fotovoltaiche; 110Efficiency, interventi di efficientamento previsti dal Superbonus 110%; Venice LightYear, riqualificazione energetica dell’isola di San Servolo in Venezia, che per il 2021 ha messo in cantiere interventi per oltre 10 milioni di euro (+333% sul 2020); il progetto di welfare WE(Y) DOLCE Emilia Romagna, promosso insieme alla cooperativa sociale Società Dolce.

L’aumento di capitale su CrowdFundMe servirà a consolidare la struttura aziendale in vista della quotazione in Borsa di Milano, prevista entro l’estate del 2023. In particolare, le risorse finanziarie derivanti da questa campagna di equity crowdfunding saranno così distribuite: 200 mila euro per l’implementazione di un sistema di ERP (Enterprise Resource Planning) in grado di incrementare ulteriormente l’efficienza e l’efficacia della gestione aziendale e di un sistema di CRM (Customer Relationship Management), per ottimizzare la gestione del rapporto con la clientela; 800 mila euro per coprire i futuri costi legati all’ingresso in Borsa a Piazza Affari; un milione per l’assunzione di nuove figure chiave per il prossimo biennio.

Infinityhub, guidata dal business angel Massimiliano Braghin, con sede in Canal Grande a Venezia (e unità operative in Milano, Trento e Bologna) e attiva in tutt’Italia, è una delle prime energy social company europee e, attraverso le sue partecipate (spv create ad hoc per ogni iniziativa), opera nel settore della conversione sostenibile energetica, finanziando, anche con il supporto di venture capital e dell’equity crowdfunding, progetti condivisi di efficientamento energetico e produzione di energia da fonti rinnovabili.

Con un valore della produzione che dal 2017, primo esercizio completo della sua nascita, al 2020, è passato da 120 mila euro a 3,5 milioni, InfinityHub vanta un modello societario replicabile in diversi ambiti e scalabile, nell’evoluzione dei suoi sistemi gestionali e nella struttura operativa tipica di una “lean startup” (sostenibilità in tempi e costi ridotti, modello ereditato dall’esperienza ultradecennale di controllo di gestione del fondatore Massimiliano Braghin).

Per il 2021, vanta una pipeline di 10 milioni di euro, in crescita del 333% su base annua. L’azienda, che per ogni intervento mira a contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) stabiliti nell’Agenda 2030 dell’Onu, supporta inoltre lo sviluppo territoriale locale e permette a tutti coloro che finanziano le sue campagne di equity crowdfunding di divenire soci del progetto e fautori del medesimo.

Dopo un’accurata selezione delle candidature ricevute, InfinityHub ha lanciato anche il nuovo progetto Academ(Y), con la possibilità di essere integrati nell’organico aziendale. L’Academ(Y) nasce con l’intento di finanziare parte della ricerca accademica riguardante la sostenibilità e al tempo stesso di condividere con gli studenti dell’Università Ca’ Foscari Venezia il nuovo modello energy social company utilizzato in tutti i progetti aziendali che hanno reso InfinityHub un importante player italiano nello sviluppo di progetti sostenibili. La stessa Academ(Y) funge da ottimo strumento di reclutamento di giovani.

Commenti chiusi