Nasce Mimosa Circle, il Marketplace per l’acquisizione di startup tecnologiche

Mimosa Group lancia una piattaforma digitale per facilitare l’Open Innovation attraverso un marketplace che favorisce la compravendita di startup software

 

 Mimosa Circle marketplace per acquisire startup teconologiche

 

È da poco online Mimosa Circle, un Marketplace per favorire l’acquisizione di tecnologia accedendo ai profili delle startup in vendita presenti e contattando direttamente tutte quelle di interesse.

Una piattaforma, quindi, che moltiplica le occasioni per avviare trattative strategiche per la crescita della propria azienda, e decade inoltre la necessità di un intermediario. Il tutto è possibile entro un sistema dove alla garanzia della privacy viene dedicata una particolare attenzione.

Il progetto è di due italiani: Andrea Giordano Gabriele Menichelli, fondatori del’italo-olandese Mimosa Group, che affermano “Numerose startup hanno sviluppato tecnologie di altissima qualità, ma che per vari motivi non hanno trovato la loro strada nel mercato o semplicemente sono stati rilegati a progetti  secondari. Tali prodotti software rimango spesso in una fase di lenta agonia, e tramite la piattaforma Mimosa vogliamo dare nuova vita a questi progetti, connettendoli con chi potrebbe avere bisogno di tale tecnologia. Nella nostra esperienza, ci siamo accorti che molte tecnologie sviluppate da startup possono portare un enorme valore alle grandi e medie aziende, in quanto tramite una piccola acquisizione possono acquisire tecnologie, e know how che avrebbe potuto richiedere anni per svilupparlo”.

Sulla piattaforma vengono proposte acquisizioni di ogni dimensione, sia piccoli eCommerce che possono essere acquisiti con poche migliaia di euro, sia aziende che generano dei flussi di casse stabili e considerevoli. Mimosa Circle, partendo dalla ottimizzazione delle modalità di incontro tra domanda e offerta di tecnologia, non vincola i suoi utenti a pagare fee di consulenza, né all’inizio, né alla conclusione. Le startup possono usufurire del servizio in maniera totalmente gratuita, mentre le corporate pagano un abbonamento mensile per essere informate in maniera anticipata e personalizzata rispetto alle opportunità promosse in piattaforma.

La componente digitale, tuttavia, non soppianta l’apporto “umano”: il team di Mimosa mette in campo la sua esperienza di scouting, selezionando unicamente i progetti che dimostrano un potenziale innovativo e di successo più elevato. “Le corporate con cui collaboriamo hanno riconosciuto il valore della piattaforma grazie alla presenza di metriche verificate dai nostri analisti alleggerendo così notevolmente anche la loro fase di due diligence. Questo comporta un vantaggio notevole in termini decisionali perché permette di scandagliare informazioni senza dover contattare aziende non in linea con le aspettative” aggiungono i fondatori.

Commenti chiusi