Al via il round di equity crowdfunding di una startup che realizza infrastrutture di ricarica per la nautica elettrica

La startup veneziana E-Concept, che ha realizzato la prima infrastruttura di ricarica per la nautica elettrica, ha lanciato un round di equity crowdfunding sulla piattaforma Ecomill

 

E-Concept startup per nautica elettrica lancia round equity crowdfunding su Ecomill

Il mercato della nautica elettrica, pur essendo ancora nella sua fase iniziale, secondo il rapporto “Electric Boats and Ships 2017-2027” di Research and Markets, è destinato a raggiungere i 20 miliardi di dollari già nel 2027. Ma le barche elettriche devono anche potersi ricaricare e, dunque, sono necessarie infrastrutture di ricarica pensate appositamente per la nautica, cioè per stare a contatto con l’acqua.

La prima impresa a compiere i primi passi in questo nuovissimo settore non poteva che nascere nella città che vive sull’acqua per eccellenza: Venezia. E-Concept è una startup fondata proprio a Venezia da Claudio Iannelli, Matteo Bartoli e Francesco Pannoli che ha progettato, brevettato e realizzato e-dock, una palina elettrificata progettata per l’alimentazione e la ricarica delle imbarcazioni.

La società ha lanciato una campagna di equity crowdfunding su Ecomill, piattaforma specializzata in progetti legati al settore dell’energia, con un obiettivo minimo di raccolta di 100 mila euro e massimo di 250 mila e con una valutazione pre-money di 1,5 milioni.

e-Concept e la sua campagna verranno presentate in streaming su Zoom alla stampa e a chiunque voglia partecipare Giovedì 29 Ottobre alle 11 previa registrazione qui. Oltre al team, parteciperanno Enel, Confindustria Venezia e Assonautica.

Il progetto e-dock si avvale di partner d’eccezione quali, soprattutto, Enel X che fornisce la tecnologia per il sistema di ricarica pubblica e privata e la raccolta ed elaborazione di dati utili e Veritas, tra le principali utilities italiane, che entro la fine dell’anno utilizzerà le prime paline e-dock in punti strategici per usare la propria imbarcazione elettrica per la raccolta dei rifiuti. Ma anche Confindustria Venezia e Assonautica che supportano la diffusione e comunicazione del progetto. Il progetto si avvale inoltre del supporto dei partner tecnici Edyn Marine e Huracan, Orvim, Edn Group e Rein.

E-concept punta a vendere e-dock sia a grandi aziende private e pubbliche che hanno necessità di una rete privata di punti di ricarica (es. raccolta rifiuti, vaporetti, taxi…), sia a clienti privati come hotel, ristoranti, esercizi commerciali che vogliano offrire ai propri clienti un servizio a valore aggiunto.

Nel caso della nautica privata, la palina di ricarica sarà installata presso il posto barca, permettendo così il rifornimento energetico durante l’ormeggio dell’imbarcazione. Attraverso una App dedicata, l’utente finale potrà richiedere di abilitare la fornitura di energia, il monitoraggio e il pagamento. Nel caso delle barche da lavoro l’abilitazione della palina può avvenire tramite badge RFID.

Dal punto di vista ambientale, la palina di e-concept non solo contribuirà a ridurre le emissioni nocive dovute al traffico nautico, ma erogherà solo energia certificata prodotta da fonti rinnovabili, che è poi la politica del partner Enel X. Inoltre la palina è predisposta al V2G (vehicle to grid) per consentire la gestione dell’energia in ottica “Smart City”, rendendo i veicoli collegati alla rete di distribuzione dei potenziali depositi di energia, aumentando l’efficienza del sistema elettrico locale e di conseguenza nazionale.

più nuovi più vecchi
trackback

[…] Venezia sembra catturare la scena del crowdfunding in Italia. Nei giorni scorsi è stata presentata su Ecomill la campagna di equity crowdfunding e-Concept che ha lanciato una palina elettrificata per il nascente mercato della nautica elettrica. Ora, il […]