Banca Progetto si prepara a lanciare l’instant lending per il credito al consumo

L’istituto di credito controllato da Oaktree ha siglato una partnership con la fintech Faire.ai e la piattaforma di open banking Fabrick per offrire un servizio di instant lending

 

Banca Progetto lancia servizio di instant lending per credito al consumo

 

Banca Progetto, challenger bank italiana specializzata in servizi per le piccole e medie imprese italiane e per la clientela privata controllata da Oaktree Capital Management, ha siglato una partnership con la fintech Faire.ai e con Fabrick, la piattaforma italiana nata per favorire l’open finance, allo scopo di lanciare un nuovo servizio di instant lending.

Banca Progetto, grazie alla tecnologia abilitante di Fabrick e al credit score di Faire, svilupperà un servizio di erogazione di prestiti al consumo istantanei secondo i paradigmi più moderni ed inclusivi dove età, provenienza e territorialità non sono più i fattori decisivi ma vengono sostituiti con le abitudini e categorie di spesa, così come l’andamento dei rapporti tra entrate e uscite, che diventano i parametri di riferimento. Ciò consentirà di aprire le porte a un credito democratico, basato su informazioni ricche e trasversali.

Banca Progetto, il cui obiettivo è diventare un punto di riferimento per le piccole e medie imprese italiane e per la clientela privata, continua a investire nella trasformazione digitale che sta procedendo con successo. La banca lavora in una logica di ecosistema con partner selezionati come Faire e Fabrick per sviluppare, grazie anche alla propria licenza AISP (Account Information Service Provider), nuove soluzioni che ottimizzano i processi operativi e la relazione con la clientela. Faire offre ai propri partner la possibilità di erogare crediti a clienti non considerati dai modelli classici riducendo il rischio di default e prevenendo così l’eccessivo indebitamento del cliente finale che ottiene un prestito, proprio grazie alle valutazioni della piattaforma. Fabrick metterà a disposizione il proprio servizio di account aggregation che rende possibile la visualizzazione da un unico touchpoint di tutte le operazioni che un cliente fa sui propri diversi istituti di credito.

“I nostri clienti hanno le esigenze tipiche dei consumatori di questo secolo, in termini di timing ed esperienza, esigenze che noi siamo in grado di intercettare facilmente grazie all’assenza di legacy della banca e al nostro Dna digitale. Promuoviamo e sperimentiamo una strategia di integrata collaborazione tra fintech innovative e la banca: la partnership con due fintech come Faire e Fabrick, nate grazie ad imprenditori giovani e talentuosi, permetterà di sviluppare un nuovo modo di erogare credito rivoluzionando il mercato tradizionale dei prestiti ai privati e rispondendo alle esigenze dei consumatori sempre più digitali”, ha spiegato Paolo Fiorentino, amministratore delegato di Banca Progetto.

Gianluigi Davassi, CEO di Faire, ha dichiarato: “La sinergia tra 3 attori nel mercato finanziario come Banca Progetto-Faire-Fabrick, è una opportunità davvero unica. Questo accordo ci permette di offrire un servizio finanziario ad altissimo valore tecnologico su dati forniti dalla piattaforma open banking. Grazie a questa stretta interconnessione, svilupperemo e metteremo a disposizione su smartphone un’app che erogherà credito istantaneamente sui conti correnti degli utenti, una soluzione tecnologica e finanziaria mai vista prima in Italia e in Europa”.

Paolo Zaccardi, CEO di Fabrick, ha commentato: “Banca Progetto ha colto a pieno i vantaggi che l’open banking porta in termini di ampliamento dell’offerta. La partnership le permetterà di portare sul mercato una soluzione di finanziamento istantaneo e così rispondere all’esigenza, particolarmente sentita nell’attuale contesto economico, di accedere al credito in tempi rapidi con particolare attenzione alla user experience del cliente finale. Siamo particolarmente entusiasti di questa collaborazione perché testimonia la validità dell’ecosistema proposto da Fabrick: da un lato la capacità della nostra piattaforma, attraverso cui sarà implementato il servizio, dall’altro le importanti sinergie che nascono all’interno della nostra community Fintech District, di cui Faire fa parte e attraverso il quale abbiamo iniziato a collaborare con loro”.

Chi è Banca Progetto

Banca Progetto è nata nel 2015 dopo la cessione al fondo Oaktree del 54,212% del capitale di Banca Popolare Lecchese da parte di Nuova Banca Etruria. Con sedi a Milano e Roma e una rete commerciale presente su tutto il territorio nazionale, la banca è specializzata nei servizi per le piccole e medie imprese italiane e per la clientela privata, in particolare in cessione del quinto destinati a dipendenti privati, dipendenti statali, pubblici, para pubblici e pensionati e in finanziamenti a medio-lungo termine alle pmi. La banca ha erogato 400 milioni di euro alle pmi nel primo semestre 2020, in netta crescita rispetto ai 250 milioni di tutto il 2019. Nell’ottobre 2020 Faire.ai ha incassato un round da 1,5 milioni di euro da Banca Progetto

Ricordiamo che Banca Progetto ha siglato altre 3 partnership con: Digital On Things (DOT), una società di consulenza che opera nel mondo CRM (Customer Relationship Management) e data monetization; la fintech italiana Modefinance per adottare le sue soluzioni di analisi del rischio alle pmi clienti; Solutions to Enterprises (S2E), società di consulenza in ambito business e technology innovation, leader dell’Information Security che offre servizi di Security Advisory, progettazione SOC, sicurezza industriale, ethical hacking ed eDiscovery.

Chi è Faire.ai

Faire.ai offre una piattaforma cloud che abilita banche partner e istituzioni finanziarie all’erogazione di prestiti istantanei, e ciò è possibile grazie all’open banking, che consente il recupero dei dati transazionali degli utenti. A questo punto entra quindi in gioco l’intelligenza artificiale che consente di definire il merito creditizio dell’utente. Infine, la piattaforma offre a partner finanziari integrazioni via API per approvazione istantanea dei prestiti. faire.ai prevede di arrivare a fine anno con un team di oltre 10 persone e il cui numero è destinato a raddoppiare entro fine 2021. Oltre a crescere in termini di organico, la startup punta a espandersi in altri mercati europei, partendo da quello spagnolo.

Chi è Fabrick

Fabrick è nata nel 2017 con l’obiettivo di favorire l’open banking, favorendo l’incontro e la collaborazione tra le società fintech, le grandi aziende e gli operatori tradizionali del mondo finanziario, mettendo a loro disposizione tecnologie, competenze e servizi. Fa capo a Banca Sella, che detiene l’80% del capitale. Il resto è invece distribuito tra i soci-imprenditori che via via hanno aderito al progetto apportando in tutto o in parte il capitale della loro azienda alla piattaforma, entrando a far parte del management e della compagine sociale di Fabrick. A oggi Fabrick ha integrato in piattaforma il 97% degli istituti bancari e 198 sono le controparti che usano le oltre 500 API pubblicate. Molti i casi d’uso già in produzione come ad esempio Account Aggregation, Data Enrichment (PFM), Smart Banking, Payment & Collection Engine e il Payment Initiation Sevice (PIS). Quest’ultimo è stato lanciato nel maggio 2020 da Illimity Bank.

Commenti chiusi