Il portale di equity crowdfunding Doorway diventa una società benefit

Doorway seleziona startup e PMI innovative sul mercato, valutandone l’impatto in termini di sostenibilità mediante l’utilizzo di parametri ESG (Environmental, Social & Governance)

 

Doorway piattaforma di equity crowdfunding prossima al lancio

 

A fine dicembre 2020 la piattaforma italiana di equity crowdfunding Doorway è diventata una società benefit. La trasformazione in società benefit conferma la mission  di Doorway che è da sempre quella di contribuire alla creazione di valore per gli investitori e per le aziende investite, convogliando capitali verso lo sviluppo di imprese innovative.

La qualificazione di società benefit, riconosciuta dalla Legge finanziaria 2016, è rivolta a imprese che perseguono volontariamente, nell’esercizio della loro attività, oltre allo scopo di lucro anche una o più finalità di beneficio comune. Si tratta di una previsione normativa innovativa e unica a livello europeo che legittima e attribuisce valore a un modo di fare impresa non focalizzato solo sulla dimensione economica, ma sulla capacità di far convergere redditività e sostenibilità, nell’ottica di creare ricadute positive per gli stakeholder.

Antonella Grassigli, CEO e cofondatrice di  Doorway, ha spiegato: “Doorway nasce per favorire, grazie al suo modello di business, l’investimento di capitali privati in economia reale. Da più autorevoli parti è stata evidenziata la necessità e l’opportunità che parte del risparmio italiano venga veicolata su startup e pmi innovative, anche come motore della ripresa economica. I miei soci e io siamo orgogliosi di avere creato la prima startup fintech purpose driven in Italia: la piattaforma di investimento gestita da Doorway non è un’organizzazione filantropica interessata a risolvere i problemi della società, ma un’impresa che identifica e monitora gli effetti positivi e i rischi generati dalla propria attività nel contesto degli investimenti finanziari in innovazione ed economia reale”.

Doorway seleziona startup e PMI innovative sul mercato, valutandone l’impatto in termini di sostenibilità mediante l’utilizzo di parametri ESG (Environmental, Social & Governance).

“Tale scelta – continua Grassigli – risponde alla convinzione che nel medio e lungo termine saranno le aziende con la migliore performance ESG a essere le più agili e profittevoli, a vantaggio nostro, dei nostri investitori e del sistema degli stakeholder in generale. Già oggi tutte le aziende su cui abbiamo veicolato investimenti o che sono attualmente in fundraising con noi come Garanteasy, Brots e Pep Therapy, rispondono pienamente a questi requisiti”.

Chi è Doorway

Doorway, con sede a Bologna, è un “club deal” su piattaforma di equity crowdfunding autorizzata d Consob, dedicato a investitori sia retail sia professionali. La sua peculiarità risiede nel fatto che l’investimento viene effettuato sempre tramite una società veicolo che investe nella società target o in unica soluzione o al raggiungimento di milestone definiti. Inoltre il modello di commissioni intende premiare le società “al femminile” e quelle che hanno un forte connotato di impatto sociale. Infatti, mentre la commissione ordinaria sarà del 8% sulla raccolta, per le iniziative Impact e/o che siano costituite da una prevalenza femminile nella compagine sociale o nel management, la commissione è ridotta al 6%.

Nel 2019 Doorway ha lanciato 5 campagne, per una raccolta complessiva di oltre 2 milioni di euro. Nel luglio 2020 la community di investitori di Doorway ha sottoscritto un round da 3 milioni di euro del marketplace digitale B2B per la ristorazione Deliveristo con un pool di altri investitori, tra cui IAG (Italian Angels for Growth), Gellify Digital Investments, Seven Investments (che fa capo ad Angelo Mario Moratti), Metrica, la società di Michele Novelli. Al round si sono aggiunti nel dicembre 2020 altri 4,5 milioni di eurosottoscritti da United Ventures.

In proposito, Antonella Grassigli, ha affermato: “Siamo estremamente soddisfatti di questa importante operazione che, da un lato, consente a Deliveristo di proseguire il proprio percorso di crescita e, dall’altro, valida il nostro processo di selezione delle opportunità di investimento, l’utilizzo delle best practice di un fondo di venture capital e il nostro posizionamento di piattaforma di equity investing on line assolutamente distintiva rispetto alle piattaforme di equity crowdfunding esistenti sul mercato.”

Commenti chiusi