La fintech italiana Sardex raccoglie 1,3 milioni nel suo round di equity crowdfunding

La fintech nata 12 anni fa in Sardegna che ha creato una piattaforma per il barter tra PMI, ha concluso un round di equity crowdfunding su BacktoWork raccogliendo 1,3 milioni

 

Sardex raccoglie 1,2 milioni con equity crowdfunding

 

La piattaforma fintech Sardex Spa, fondata nel 2007 in Sardegna, ha chiuso un round milionario sul portale di equity crowdfunding BackToWork, raccogliendo 1,275 milioni grazie 295 investitori, attraverso un SPV (Special Purpose Vehicle), costituito appositamente per l’operazione. Il round aveva un obiettivo minimo di 600 mila euro.

SardexPay è un marketplace digitale che, con il supporto di broker dedicati, consente alle PMI iscritte di trovare clienti e fornitori e acquistare e vendere beni e servizi senza intaccare la loro liquidità in euro. Le aziende utilizzano, infatti, come metodo di pagamento, il credito “Sardex”, una moneta complementare (ma non una criptovaluta) per cui 1 Sardex = 1 Euro. Ogni iscritto ha a disposizione una linea di credito Sardex (a tasso zero) grazie alla quale effettuerà i primi acquisti, che ripagherà con vendite agli altri aderenti alla community. È inoltre possibile ottenere un finanziamento aggiuntivo (a tasso zero) per investimenti connessi all’attività di impresa. Infine, all’interno del circuito è possibile coinvolgere dipendenti e consumatori grazie a programmi dedicati (B2E e B2C). Tecnicamente gli scambi vengono effettuati attraverso un sistema multilaterale/multitemporale di compensazione debito/credito e gestiti attraverso una piattaforma informatica ed un conto digitale.

In 10 anni, SardexPay ha generato community che, ad oggi, conta oltre 7.000 tra professionisti, commercianti e PMI con più di 600 milioni di transato. La società aderenti, inoltre, possono ottenere liquidità aggiuntiva a tasso zero e coinvolgere dipendenti (welfare aziendale) e consumatori finali (cashback in moneta complementare).

Nella società hanno investito anche fondi e istituzioni quali CDP Venture Capital, Fondazione di Sardegna, Primomiglio, Innogest. Fabrick, Nice Group e Melpart. Inoltre, il progetto ha visto il coinvolgimento negli ultimi anni di numerose Università, Centri di Ricerca, riviste scientifiche, che hanno dedicato studi e ricerche al modello Sardex e al suo impatto sociale ed economico, come London School of Economics (2015, 2019), Yale University (2015), UCL (2015), Nature (2018) e altri ancora.

I fondi raccolti verranno investiti per scalare il business a livello nazionale, in particolare, per il completamento della copertura nazionale diretta, lo sviluppo della community con l’obiettivo di quadruplicare gli aderenti e ottenere un transato annuo di 500 mln, e per sviluppare ulteriormente la tecnologia.

Per Backtowork si tratta della seconda campagna milionaria nei primi 6 mesi del 2021, dopo quella relativa al progetto immobiliare di Milano Via Faravelli che aveva raccolto 1,2 milioni, portando la raccolta complessiva della piattaforma nel primo scorci di quest’anno a 6,5 milioni per 17 progetti finanziati.

 

Commenti chiusi