Il portale italiano di equity crowdfunding Doorway aderisce ai Principles for Responsible Investment (PRI) dell’Onu

Doorway è entrata anche nel Forum per la Finanza Sostenibile (FFS), associazione di operatori finanziari interessati all’impatto ambientale e sociale degli investimenti

 

Doorway piattaforma di equity crowdfunding prossima al lancio

 

Doorway, piattaforma di club deal autorizzata da Consob per l’Equity Investing online, ha comunicato di aver aderito ai Principles for Responsible Investment (PRI), stabiliti dall’Onu, e di essere entrata a far parte dei soci del Forum per la Finanza Sostenibile (FFS), associazione senza scopo di lucro che dal 2001 riunisce operatori finanziari e altre organizzazioni interessate all’impatto ambientale e sociale degli investimenti.

In linea con la sua missione di promuovere l’integrazione di criteri ambientali, sociali e di governance nelle politiche e nei processi di investimento, il Forum per la Finanza Sostenibile ha riconosciuto Doorway come associato di valore per il raggiungimento del proprio obiettivo di incoraggiare lo scambio e la crescita culturale in materia di investimento sostenibile e responsabile. A livello internazionale, il FFS è membro del board di Eurosif (European Social Investment Forum), associazione impegnata a promuovere la finanza sostenibile nei mercati europei e dal 2012 è anche promotore e coordinatore della Settimana dell’Investimento Sostenibile e Responsabile in Italia.

Sottoscrivendo i PRI, Doorway conferma la sua costante attenzione ai temi della sostenibilità ed entra così a far parte della rete internazionale di oltre 4.000 società di gestione e investitori firmatari, che gestisce oltre 121 trilloni di dollari di masse. L’iniziativa, lanciata nel 2006 a New York, è volta a stimolare gli investitori e i gestori patrimoniali ad assumersi pienamente la responsabilità fiduciaria, è finalizzata a stabilire i collegamenti tra investimenti e questioni ambientali, sociali e di governance (ESG) e aiutare i firmatari a includere tali questioni nelle loro decisioni in materia di investimento e di partecipazione azionaria. In particolare, l’adesione dà accesso a un network che permette agli investitori di condividere best practice, di collaborare più facilmente con gli altri firmatari e di avere l’opportunità di partecipare a una molteplicità di attività e gruppi di lavoro.

L’adesione ai PRI comporta il rispetto e l’applicazione di alcuni principi basilari: incorporare parametri ambientali, sociali e di governance (ESG) nell’analisi finanziaria e nei processi di decisione riguardanti gli investimenti; essere azionisti attivi e incorporare parametri ESG nelle politiche e pratiche di azionariato; esigere la rendicontazione su parametri ESG da parte delle aziende oggetto di investimento; promuovere l’accettazione e implementazione dei principi nell’industria finanziaria; collaborare per migliorare l’applicazione dei principi e come ultimo rendicontare periodicamente sulle attività e progressi compiuti nell’applicazione dei principi.

Aderire ai PRI, in qualità di service provider, si traduce in un maggiore impegno comunicativo: infatti, a partire dal 2022 Doorway, su base volontaria, potrà redigere un reporting sulle proprie attività, impegno che diventerà invece obbligatorio a partire dal 2024.

Fiona Reynolds, CEO di PRI, ha spiegato: “Aderendo ad essi, Doorway riconosce l’importanza di includere i fattori ESG nella sua piattaforma di investimenti azionari.” 

Antonella Grassigli, CEO e cofondatrice di Doorway, oltre che business angel dell’anno 2021 del Club degli Investitori, ha dichiarato: “Con il Forum per la Finanza Sostenibile con il quale condividiamo l’obiettivo di favorire la trasformazione del sistema finanziario verso un modello in grado di promuovere non solo la realizzazione di utili ma anche il miglioramento della nostra società, una mission coerente con il nostro status di società benefit. Nelle scelte di investimento, gli investitori, in Italia e all’estero, sono sempre più attenti ai criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) e vogliono essere in grado di riconoscere le aziende sostenibili a cui destinare i propri capitali. Per primi in Italia abbiamo integrato in modo sistemico l’analisi della rispondenza ai criteri ESG all’interno del processo di selezione dei deal, affiancandola ai criteri di business. In questo modo, non solo siamo in grado di offrire ai nostri investitori l’accesso a opportunità di investimento dalle elevate potenzialità di exit e rispondenti ai criteri ESG, ma anche di stimolare i founder a migliorare la sostenibilità delle proprie aziende.”

Chi è Doorway

Doorway, con sede a Bologna, è un “club deal” su piattaforma di equity crowdfunding autorizzata d Consob, dedicato a investitori sia retail sia professionali. La sua peculiarità risiede nel fatto che l’investimento viene effettuato sempre tramite una società veicolo che investe nella società target o in unica soluzione o al raggiungimento di milestone definiti. Inoltre il modello di commissioni intende premiare le società “al femminile” e quelle che hanno un forte connotato di impatto sociale. Infatti, mentre la commissione ordinaria sarà del 8% sulla raccolta, per le iniziative impact e/o che siano costituite da una prevalenza femminile nella compagine sociale o nel management, la commissione è ridotta al 6%. Nel novembre 2018 Doorway ha ottenuto da Consob l’autorizzazione a operare e dal dicembre 2020 è una società benefit.

Questo mese la fintech svizzera Sonect ha chiuso con una raccolta di oltre 1,3 milioni di euro la campagna di equity crowdfunding condotta sul portale italiano Doorway, che con questo risultato, ha confermato il tasso di successo del 100% nella chiusura delle campagne, nella grande maggioranza in overfunding, e superato i 12 milioni di euro di capitali raccolti. Con il crowd di Doorway, designata dal Politecnico di Torino come prima “angels platform” online in Italia, co-investono Club degli Investitori, Italian Angels for GrowthAngels for Women (A4W, che Grassigli ha cofondato), Boost Heroes, Gellify e altri importanti investitori industriali, con round oltre il milione di euro.

Commenti chiusi